Dai banchi di scuola al Parco

Pubblichiamo un articolo apparso sul portale del Parco Nazionale delle Cinque Terre, ente presso il quale due studentesse del Liceo Scientifico Tecnologico hanno svolto l’esperienza di alternanza scuola-lavoro.

Da alcuni anni l’Istituto Superiore “Capellini-Sauro” della Spezia aderisce al progetto alternanza scuola-lavoro, proposto e disciplinato dalla riforma Moratti del 2003: Chiara e Selene hanno scelto l’Ente Parco per il loro percorso formativo nel mondo del lavoro.

Due settimane per calarsi nel microcosmo della comunicazione multimediale. Questo il difficile obbiettivo dello stage di Chiara e Selene, due giovani studentesse spezzine, che hanno strascorso le 96 ore previste dal progetto alternanza scuola-lavoro presso l’ufficio stampa del Parco Nazionale delle Cinque Terre.

Per chi come loro è nato e cresciuto “respirando” tecnologie moderne e applicazioni informatiche, il primo ostacolo, prendere dimestichezza con i software che quotidianamente vengono utilizzati per la gestione del portale del Parco, è stato superato con facilità e disinvoltura.

Il passo successivo è stato quello di seguire sin dalle prime fasi di “gestazione” la nascita di un testo per l’Agenzia Stampa del Parco: pensare ad un titolo efficace, ad un sottotitolo esaustivo e ad un corpo testuale frizzante e di facile lettura.

«Inizialmente ci sembrava un’impresa quasi impossibile, abbiamo provato e riprovato non ottenendo un risultato che ci soddisfacesse – hanno dichiarato Chiara e Selene – ma il nostro obiettivo era quello di imparare e quindi ci siamo “rimboccate le maniche” e finalmente abbiamo raggiunto il nostro intento».

Stimolante e completamente nuova l’esperienza del montaggio dei contributi video.

«Siamo rimaste affascinate – hanno sottolineato le giovani studentesse – dalle tecniche e dai “trucchi” adoperati dagli operatori per realizzare i filmati per il sito ufficiale del Parco, per i social network e per la tv via cavo che trasmette nelle Cinque Terre.

Un’esperienza breve, ma intensa e a tratti faticosa. Una full immersion nel mondo nel lavoro che sicuramente, oltre a far scoprire nuovi ruoli professionali, ha fatto comprendere a Chiara e Selene che in fin dei conti il “mestiere dello studente” non è poi così male.

«Arrivate alla fine del nostro stage, se ci guardiamo alle spalle, – hanno concluso le ormai ex stagiste – possiamo vedere due settimane uniche e stancanti, che ci hanno catapultate in un mondo nuovo e tutto da scoprire. Ringraziamo quindi il Parco per averci concesso questa opportunità».

Silvia Paolillo
24 febbraio 2010

Inserisci il tuo codice utente ID di google analytics del tipo: UA-19001110-1